Just do it, con questo slogan la Nike nel 1988 ha segnato la storia dell’advertising, andando dritto al cuore dei consumatori, rendendo le sneakers alla moda e stracciando uno dei suoi maggiori competitor, Reebok. Come mai la campagna Just do it ebbe così tanto successo? Fu in grado di raccontare la storia dell’azienda, la sua filosofia, fatta di coraggio, determinazione, passione:

After stumbling badly against archrival Reebok in the 1980s, Nike rose about as high and fast in the ‘90s as any company can. It took on a new religion of brand consciousness and broke advertising sound barriers with its indelible Swoosh, “Just Do It” slogan and deified sports figures. Nike managed the deftest of marketing tricks: to be both anti-establishmen and mass market, to the tune of $9.2 billion dollars in sales in 1997. (Jolie Soloman “When Nike Goes Cold” Newsweek, March 30, 1998)

Yes we can, lo slogan che ha contribuito alla vittoria di Barack Obama, è un altro esempio di messaggio semplice, diretto e capace di arrivare alla gente e di fare leva sulle sue emozioni. Obama ha creato un vero e proprio brand basato su uno dei principi chiave del web marketing contemporaneo, l’engagement; ha fatto leva sui sentimenti delle persone quali la speranza e il cambiamento ed è riuscito a connettersi con i propri elettori ad un livello emozionale. Onestà e correttezza sono stati gli elementi principali del brand Obama.

Un uso intelligente dei nuovi media come i social network è stato un altro elemento che ha contribuito al successo del brand Obama. I social media sono stati infatti utilizzati non solo per avere un contatto immediato con la gente, ma anche per raddrizzare il tiro laddove il feedback fosse stato negativo. Monitorare il proprio brand nel corso del tempo è uno degli elementi fondamentali per la sua riuscita.

Nike e Barack Obama, sebbene appartenenti a due mondi diversi ci hanno dato la medesima grande lezione: in un mercato così competitivo puoi avere successo se hai una storia da raccontare, se hai il coraggio di raccontare la tua storia con coraggio e onestà.

La gente ama le storie, ne ha bisogno per soddisfare la propria curiosità, vivere meglio, sentirsi meglio. I libri lo fanno da sempre. Compri un libro da leggere sotto l’ombrellone, dal titolo frivolo e mentre lo leggi ti rendi conto invece che ti sta insegnando qualcosa.

Il brand può fare altrettanto, o meglio deve farlo. Costruire un brand capace di raccontare la storia di un’azienda in maniera diretta e semplice non è facile. Ma sforzarsi ne vale la pena. Significa innanzitutto essere onesti con se stessi e raccontarsi con altrettanta onestà. La gente ama le storie, ma quelle vere, sincere. Tutto ciò che è artificioso si riconosce subito, puzza come un pesce andato a male. La correttezza invece paga sempre con la fedeltà da parte dei consumatori.

Cosa ti rende davvero unico, cosa fa la differenza? Quali sono i valori in cui credi e che inevitabilmente hai trasmesso al tuo brand? Stai raccontando la tua storia, quella che ti ha spinto a mettere su un’azienda, una società, a realizzare un progetto. È la tua vita. È il tuo sogno diventato realtà. E tu hai l’opportunità di comunicarlo. Il tuo brand ha l’arduo compito di fare questo. Anzi deve farlo.

E poi deve interagire. Nell’era dei social media parlare di comunicazione one way è obsoleto. Nei social network o con il tuo blog non presenti solo il tuo business, ma metti in gioco il lato umano della tua azienda. È proprio questo ciò che ne ha determinato il successo: la facilità con cui permettono alla persone di entrare in connessione, soprattutto a livello emozionale. Ed è proprio di questo che il tuo brand deve tener conto: connettersi con i suoi consumatori su un piano emotivo e più potente. Da qui nasce quindi l’esigenza di porsi delle domande importanti: come vuoi che i tuoi consumatori reagiscono? Quale messaggio oggettivo vuoi comunicare loro?

E’ questo che la gente ama ed è questo che riesce a rendere il tuo brand vivo, autentico e altamente competitivo.

Simona Fiore

Share the joy
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Post Correlati