Volantini, spot tv e radio, cartellonistica, brochure, banner, email massive…

Continui a investire tanto in pubblicità ma i risultati sperati non arrivano o almeno non come una volta.

Come mai? Cosa è cambiato?

È cambiato in sostanza il modo di comunicare e promuovere la propria offerta.

Con l’avvento del digital, la pubblicità non è più qualcosa che “interrompe” un’altra attività (magari più interessante o divertente), che “interviene” proprio quando non vorremmo o ancor peggio quando non ci siamo.

La pubblicità si trasforma nella risposta puntuale a un bisogno del momento.

E la comunicazione diventa bidirezionale. Le persone sono sempre più critiche, attente e consapevoli e prima di comprare, raccolgono informazioni, indicano le loro preferenze, instaurano un dialogo con l’azienda.

In cosa stai sbagliando allora?

Sbagli nel “rincorrere” i potenziali clienti quando dovresti fare in modo che siano loro a cercare te nei posti in cui si informano, si divertono e decidono di acquistare. Sbagli nel concentrarti esclusivamente sugli strumenti tradizionali, quando oggi la scelta vincente è la multicanalità.

La soluzione?
Si chiama inbound marketing: multicanale, mirato, umano.

inbound marketing

Cos’è e come funziona?

Secondo la definizione di Hubspot, la nota software house americana che ne ha coniato il termine, l’inbound marketing è “il modo migliore per trasformare i visitatori in clienti e promotori del tuo business”.

Mentre il marketing tradizionale (outbound marketing) tende a “spingere” verso il prodotto, l’inbound marketing mira ad intercettare i bisogni delle persone, guadagnare la loro attenzione e “attrarli” verso la propria offerta attraverso contenuti utili e di reale interesse.

Anziché “interrompere”, “coinvolge”.

Ma come?

Semplice. Citando ancora una volta Hubspot “pubblicando il contenuto giusto, al posto giusto, al momento giusto”.

Ecco quindi alcuni degli strumenti più importanti per attrarre le persone giuste e convertirli in clienti entusiasti e fedeli.

  • Contenuto: che sia testo, immagine o video, generare contenuti utili, interessanti e di qualità è fondamentale per una strategia di inbound marketing vincente. Il primo passo per stabilire un legame con la propria audience.
  • Seo: attività imprescindibile per rendere il contenuto visibile tra i risultati di google quando si cercano parole chiave relative al business di interesse.
  • Social: facebook, pinterest, google plus…scegliere il giusto canale social è indispensabile per una comunicazione genuina, di valore, più vicina alle persone.
  • Newsletter: lo strumento fondamentale per restare sempre in contatto con i propri clienti, o acquisirne di nuovi, attraverso l’invio di contenuti interessanti nell’intimità e comodità della loro casella di posta.

Come vedi, il web offre strumenti davvero preziosi per incontrare (o meglio, farsi trovare da) nuovi e potenziali clienti.

Naturalmente, occorre avere le giuste abilità  per padroneggiarli e ottenere risultati concreti.

Assunta Rea

Share the joy
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Post Correlati