In questo articolo affrontiamo uno dei problemi più sentiti da chi opera su facebook: la diminuzione della portata organica dei contenuti delle pagine, detto anche calo di reach organica.

Diffondere i contenuti a tutta la fanbase attraverso facebook ads
E’ ormai noto infatti che raggiungere tutta la propria fanbase con post organici risulta sempre più difficile, questo comportamento come già accennato nell’articolo facebook e la muraglia dei fan è dovuto all’aumento dei contenuti e delle pagine a cui l’utente è connesso, che induce facebook a operare una selezione più restrittiva relativa alla loro visibilità.

Vediamo di seguito quali sono le conseguenze del calo della portata organica:

  • Contenuti non visibili agli utenti in target
    Se ad esempio analizziamo una pagina con una fanbase di 5000 utenti ben profilati, e riscontriamo che in media i nostri post coprono solo il 20%, avremo in media 4000 utenti in target e potenzialmente interessati, non raggiunti dai nostri contenuti.
    Ciò su cui dobbiamo riflettere con attenzione, è che non parliamo di una perdita di 4.000 utenti generici di facebook, ma di una perdita di 4.000 utenti che già in precedenza hanno espresso il desiderio di rimanere connessi con la pagina, e che di conseguenza dovrebbero essere anche i più propensi ad interagire con essa.
  • Dati statistici potenzialmente incompleti
    Possedere una fanbase profilata è un bene prezioso, poiché ci permette di estrapolare attraverso una attenta analisi informazioni utili per operare correttivi alla nostra strategia. Ma se la portata è troppo bassa, potremmo rischiare di avere un campione troppo ristretto su cui operare che potrebbe indurci a scelte errate.

Viste le conseguenze, aumentare la diffusione dei contenuti verso una fanbase profilata, risulta attualmente un obiettivo importante.

Vediamo di seguito come raggiungere la propria fanbase attraverso l’utilizzo di facebook ads

L’idea alla base di questa tattica è avviare una campagna facebook ads sponsorizzando i post della pagina solo ai suoi fan.
Esploriamo adesso più in dettaglio, le impostazioni più significative ed il perché della loro scelta:

  1. Obiettivo campagna
    Impostiamo come “obiettivo” della nostra campagna l’opzione “copertura”.
    Questa scelta ci permette di mostrare le inserzioni, al numero massimo di utenti di un determinato pubblico.

  2. Pubblico
    Per comprendere appieno il perché delle successive impostazioni, ricordiamo che Il nostro pubblico deve coincidere il più possibile con la nostra fanbase.

    a) Nel campo “luoghi”, inseriamo tutti i paesi di provenienza dei nostri fan, un modo semplice per ricavare tali informazioni è attraverso i dati degli insight della pagina, visualizzabili nella sezione insight>persone>i tuoi fan.

    b) Nel campo “età” impostiamo il range più ampio 13-65+.

    c) Nel campo “genere” selezioniamo “tutti”.

    d) Lasciamo incompleti i campi “lingue” e “targettizzazione dettagliata”.

    Le scelte dei punti a,b,c,d sono utili per non restringere il pubblico e ottenere la massima copertura possibile.

    e) Nel campo “connessioni” selezioniamo la voce “pagine facebook > persone a cui piace la tua pagina” e inseriamo successivamente la pagina interessata.
    Il parametro connessioni è quello più importante nella creazione del pubblico, in quanto ci permette di selezionare tutti i fan della pagina.


  3. Posizionamento
    Optiamo per “modifica posizionamenti” e selezioniamo come “Tipi di dispositivo” la voce “tutti i dispositivi” e nella sezione “piattaforme” lasciamo attiva solo la voce “sezione notizie di facebook”.
    Questa scelta ci consente di far visualizzare le inserzioni esclusivamente nella posizione dei post organici.

  4. Budget e programmazione
    Nel campo “Ottimizzazione per la pubblicazione dell’inserzione” selezioniamo la voce “copertura”.
    Questa scelta indicherà a facebook di ottimizzare la campagna in modo da mostrare le inserzioni al numero massimo di persone.

    Le impostazioni dei campi “Budget” e “limiti di frequenza” dipendono invece da vari fattori, quali dimensioni del pubblico, frequenza dei post e frequenza di visualizzazione delle inserzioni.

    Riguardo la loro impostazione iniziale poniamoci allora l’obiettivo di far sì che in un lasso di tempo stabilito, ad esempio due giorni, l’inserzione raggiunga tutto il pubblico potenziale.

    Di conseguenza impostiamo nel campo “limite di frequenza” il valore “1 visualizzazione ogni 2 giorni”, mentre nel campo “budget giornaliero” testiamo vari importi, fermandoci quando le stime nella sezione “Risultati giornalieri stimati” (in alto a destra), ci indicano che in due nei giorni la campagna copre tutto il pubblico potenziale.
     

  5. Inserzione
    Scegliamo come opzione “usa post esistente” e nel campo “seleziona un post della pagina” scegliamo il post da sponsorizzare. 

 

Creata la campagna ads non ci resta che attivarla e controllare nei giorni successivi l’effettiva copertura, e nel caso necessiti, effettuare correttivi nella sezione  budget e programmazione.
Per i successivi post da sponsorizzare possiamo procedere disattivando l’ultima inserzione e creandone una nuova relativa al post più recente.

 

Goodbye e GoodStrategy ;-)
Mariano Martucci

Share the joy
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Post Correlati