Oltreoceano spopola già da tempo.

Parliamo del fenomeno delle “mistery box” che si sta rapidamente diffondendo anche in Europa, in particolare in Francia, Inghilterra, Germania e Spagna.

Si tratta di un servizio web in abbonamento dedicato principalmente (ma non solo) all’universo femminile ed incentrato sui temi della bellezza e del benessere. Ogni mese le iscritte ricevono a casa una sorprendente scatola con dei prodotti cosmetici, già noti o da scoprire, e di cui poi chiacchierare in forum, blog e social network o magari tra amiche in nome del buon vecchio passaparola.

Il 2011 è stato l’anno dello sbarco in Italia.

Prima tra tutte Glossy Box: realtà internazionale creata nel marzo 2011 e presente in ben 19 Paesi. Alla base un funzionamento molto semplice. Basta registrarsi al sito per ricevere, al prezzo di 14 euro al mese (spese di spedizione incluse), un misterioso ed elegante cofanetto confezionato in base alle proprie specifiche esigenze: 5 prodotti cosmetici ad hoc in versione minisize o fullsize.

Dopo averli provati è possibile compilare una scheda valutativa sul sito in cambio di punti chiamati Glossy Dots. Al raggiungimento di 1000 Glossy Dots, un cofanetto è in omaggio.

Un’idea originale, sorprendente ma soprattutto contagiosa. Nel giro di pochi mesi sono nati infatti i primi competitor.

L’ultimo arrivato nel mondo delle “scatole delle meraviglie” è Sugarbox.

Il funzionamento è in sostanza lo stesso. Al costo di 15 euro al mese si sceglie l’abbonamento più adatto ai propri bisogni e si riceve a casa una scatola con 5 o 6 prodotti da provare e tanti consigli su come migliorare la propria “beauty experience”. Come in Glossy Box, le utenti possono lasciare il proprio feedback da condividere sui principali social network e ottenere così dei punti extra.

L’elemento distintivo è rappresentato dalla sezione “SugarWorld”,  spazio in cui dialogare con i brand preferiti, testare prodotti in anteprima, commentare e scrivere recensioni.

Ma il mondo delle mistery box non è fatto solo di makeup, creme idratanti e prodotti per rendere più lucenti e setosi i propri capelli.

C’è chi ha pensato anche alle future mamme e ha creato Nonabox, un servizio italiano nato per agevolare la scelta dei prodotti più adatti alla cura del bebè.

Il nome trae origine dal mondo mitologico. Nona era l’ultima delle tre Parche e nel suo telaio tesseva i fili della vita stabilendo il momento esatto in cui sarebbe venuto al mondo ogni bambino.

Il funzionamento è quello tipico del settore. Ci si registra al sito e al costo (stavolta un po’ più alto) di 25 euro mensili si riceve una scatola “su misura” con prodotti selezionati, affidabili e di alta qualità corredata da qualche piccola sorpresa anche per la neomamma. Anche in questo caso il fattore social si rivela fondamentale con la possibilità di condividere la propria esperienza sui popolari Facebook, Twitter e Vimeo. Ecco il video di presentazione.

Assunta Rea

Share the joy
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Post Correlati