Un ruolo centrale nel processo di realizzazione di siti web di qualità spetta indubbiamente alla road map. Di notevole interesse è quella descritta da Roberto Polillo nel suo libro Plasmare il Web, Road map per siti di qualità. La road map di Polillo analizza le macrocaratteristiche del sito di qualità:

l’Architettura, cioè la struttura generale del sito, l’organizzazione delle pagine, la coerenza con i suoi contenuti, la modalità di navigazione;

la Comunicazione, quindi la coerenza grafica, la brand identity e il visual design;

la Funzionalità, cioè l’insieme delle funzioni che il sito mette a disposizione dei suoi utenti, ma anche il supporto dato all’utenza nello svolgimento di determinate operazioni;

i Contenuti informativi del sito i cui principali requisiti sono la coerenza con il tema del sito, la chiarezza, l’aggiornamento continuo e il linguaggio comprensibile;

la Gestione, quindi il lavoro di sistemisti, webmaster, programmatori e sviluppatori;

l’Accessibilità, cioè la possibilità offerta a tutti gli utenti e attraverso qualsiasi tipo di dispositivo di accedere al sito in maniera rapida, senza problemi e di trovare facilmente ciò che si cerca;

l’Usabilità, l’insieme di aspetti che rendono il sito gradevole e facile da utilizzare.

Le caratteristiche principali della road map concernono i requisiti e la realizzazione di prototipi da cui scaturiscono indubbiamente vantaggi sia per il processo di produzione del sito sia per l’utente. Un progetto di sito web che basa la propria realizzazione su un modello di qualità consente di stabilire fin dall’inizio quali saranno i suoi requisiti, una volta determinati i quali è possibile attuare un controllo degli stessi durante tutto il suo sviluppo.

La seconda peculiarità della road map interessa la realizzazione di prototipi. La road map si articola nelle seguenti fasi, web design, visual design, sviluppo sito e redazione contenuti. Ognuna di loro è caratterizzata da un prototipo che va sottoposto a test. Tale pratica è fondamentale in quanto in grado di rendere meno macchinoso e pesante l’intero processo di realizzazione.

La terza caratteristica, infine, è la redazione dei requisiti. Stilare una documentazione dettagliata sui requisiti è considerata dallo stesso Polillo un’ottima partenza, in quanto definisce fin da subito la struttura del sito, basandola sul modello di qualità.

La road map in definitiva, grazie alle sue caratteristiche che pongono l’accento sui requisiti e sulla realizzazione di prototipi intermedi, garantisce all’utente la qualità del sito dandogli la possibilità di verificare di volta in volta in che modo procede il suo sviluppo.

Sinapsia Tech Division

Share the joy
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Post Correlati